Le conferenze 2017

Il problema dell’esistenza del mondo è la felicità di ogni singolo uomo

Le conferenze si terranno alle 20.30 presso la Sala della comunità della parrocchia delle Sante Capitanio e Gerosa

via Sandro Botticelli, 5  Brescia

–28 agosto 2017

Il problema dell’esistenza del mondo è la felicità di ogni singolo uomo

PRESENTAZIONE: Il Meeting del libro usato di quest’anno trae origine da una frase espressa da Don Luigi Giussani nel volume All’origine della pretesa cristiana che dimostra essere di grande attualità visto il dibattito recente che ci richiama ad un giudizio sul valore della vita umana, in qualunque condizione essa si presenti, e sulla sua tutela da parte della società e dello Stato. Prima di trattare della felicità dell’uomo è inevitabile infatti premettere, e ribadire, il valore unico e assoluto della vita umana in se stessa dal primo istante della sua concezione fino all’ultimo passo della sua vecchiaia. Con l’aiuto di Mons. Marco Alba tenteremo di approfondire tali questioni da un triplice punto di vista: umano, teologico e giuridico.

BIOGRAFIA: Mons. Marco Alba è nato a Brescia nel 1967 ed è stato ordinato sacerdote a Brescia nel 1996 nella parrocchia di Salò. È stato vicario parrocchiale a Montichiari dal 1996 al 2003 e vice Cancelliere della Diocesi di Brescia dal 2003 al 2005. Ha rivestito l’incarico di parroco di Gaino e Cecina dal 2003 al 2006 ed è diventato Cancelliere diocesano e Vicario giudiziale dal 2005. In seguito è stato nominato Giudice del Tribunale Ecclesiastico Regionale Lombardo e vicario parrocchiale a Campoverde e Villa di Salò. Dal 2008 è assistente ecclesiastico dei Gruppi fraternità “Comunione e Liberazione”, dal 2013 è delegato vescovile per il culto mariano in località Fontanelle e dal 2016 è vicario parrocchiale a Salò.

 

–4 settembre 2017

Proiezione del film “Footprints. Il cammino della vita”

Dai creatori de “L’ultima cima” e “Terra di Maria” “Footprints. Il cammino della vita”. Regia di Juan Manuel Cotelo. Un film Genere Documentario – Spagna, 2016

IN ARIZONA PUBBLICARONO QUESTO ANNUNCIO: “Cerchiamo persone disposte a percorrere 1.000 km, camminando per 40 giorni. Non si offrono certezze di arrivare a destinazione, ma si assicurano giornate di sofferenza intensa, con caldo e freddo in parti uguali. Le lesioni muscolari e le vesciche sono più che probabili, così come lo scoraggiamento che inviterà ad abortire il piano. Si dormirà poco, alcune notti sulla dura terra o in un sacco a pelo sotto la pioggia. Se qualcuno perderà il sentiero, dovrà camminare più chilometri del previsto, così godrà più a lungo della bellezza incomparabile dei paesaggi della Spagna. Coloro che hanno già affrontato questo Cammino nel corso dei secoli, assicurano che aiuta a scoprire il senso della propria esistenza.”

Per 40 giorni e 1000 km, il regista Juan Manuel Cotelo e il suo team accompagneranno tali audaci nella più grande avventura della loro vita: il Cammino di Santiago de Compostela. Questo percorso, che conduce alla tomba di San Giacomo Maggiore, è ancora oggi una delle vie di peregrinazione più importanti della storia della cristianità, nonché un viaggio fisico e spirituale capace di trasformare per sempre i pellegrini che lo percorrono.

 

–6  settembre 2017

Ripetizione, felicità e non perfezione. Per un’etica della condizione umana.

PRESENTAZIONE: La ripetitività nella vita umana può indubbiamente apparire come un peso, ma rappresenta anche un elemento molto importante, poiché è ciò che costituisce il quotidiano di ogni persona. La quotidianità, essendo costituita da elementi concreti, è inoltre per definizione non perfetta. Questi aspetti sembrerebbero impedire la possibilità di essere felici: come possono essere compatibili l’abitudine e l’imperfezione con la felicità? Proveremo ad indagare con il professor Musio come la domanda di una vita buona possa trovare compimento proprio dove meno ci si aspetterebbe di trovarlo: nell’imperfetta ripetizione di ogni giorno”

BIOGRAFIA: Alessio Musio è Professore associato di Filosofia morale presso l’Università Cattolica del Sacro cuore, dove tiene i corsi di Filosofia Morale, Teoria della persona e della comunità e Etica delle relazioni nell’economia. Fa parte del Comitato scientifico del Centro di Ateneo di Bioetica e della rivista «Medicina e Morale». Già membro del Comitato Etico dell’Ospedale Niguarda e dell’Ospedale San Carlo di Milano, fa attualmente parte del Comitato Etico provinciale dell’Ospedale di Varese.

 

 

-11 settembre 2017

Una medicina deputata al bene dell’uomo: quando la scienza non degenera in scientismo

PRESENTAZIONE: Se la medicina è per il benessere dell’uomo perché sempre più insistentemente essa viene usata contro di lui? Di fronte a questa provocazione diventa spontaneo chiedersi quale sia il bene dell’uomo, e lo scopo della conferenza è tentare di dare risposta alla questione smascherando dal punto di vista scientifico l’ideologia scientista.

BIOGRAFIA: Paolo Gulisano è nato a Milano nel 1959 e vive a Lecco. Si è laureato in Medicina e Chirurgia, specializzandosi in Igiene e Medicina Preventiva e divenendo in seguito cultore e docente di Storia della Medicina. All’attività di medico affianca da anni un impegno culturale di saggista e scrittore.  Ha collaborato con diversi quotidiani e riviste, ha fondato ed è Vicepresidente della Società Chestertoniana Italiana. Ha al suo attivo una vasta produzione saggistica, che spazia in quasi tutto il territorio della letteratura fantasy e della cultura celtica. È considerato uno dei maggiore esperti di J.R.R. Tolkien. Come esperto di Letteratura Fantasy ha contribuito inoltre alla diffusione in Italia delle opere dello scrittore irlandese Clive Staples Lewis, autore de Le Cronache di Narnia ed è studioso della cultura celtica e anglosassone,

BIOGRAFIA: Silvana De Mari, nata a Caserta il 28 maggio 1953, è medico, scrittrice e blogger italiana. Dopo la laurea in medicina all’Università di Torino, si è specializzata in chirurgia generale ed endoscopia dell’apparato digerente e in psicologia cognitiva. Ha esercitato come chirurgo presso gli ospedali piemontesi “San Luigi” di Orbassano e “Santa Croce” di Moncalieri, e in Etiopia all’ospedale di Bushulo. È famosa come autrice di romanzi fantasy per ragazzi, tra i più famosi L’ultimo  elfo e la saga di Hania con i romanzi Hania. Il regno delle tigri bianche, Hania. Il cavaliere di Luce e Hania. La strega muta.

 

–12 settembre 2017

TU SEI IMPORTANTE FINO ALLA FINE: L’APPROCCIO AL MALATO DELLE CURE PALLIATIVE

PRESENTAZIONE: Le cure palliative sono un approccio al malato e alla sua famiglia e si propongono di migliorare la qualità della vita dei pazienti attraverso il sollievo dalla sofferenza, il trattamento del dolore e dei problemi fisici, psico-sociale e spirituali che affliggono la persona malata. Sono un approccio che guardano alla persona, perché, come diceva la dottoressa Cicely Saunders, «Tu sei importante perché sei tu e sei importante fino alla fine».

BIOGRAFIA: Il dottor Giovanni Zaninetta è medico chirurgo specialista in Anestesiologia e Rianimazione. Responsabile dell’Unità Operativa di Cure Palliative della Domus Salutis, è stato Presidente della Società Italiana di Cure Palliative e docente di Cure Palliative presso l’Università degli Studi di Brescia.

scarica locandina eventi