Ripetizione, felicità e non perfezione. Per un’etica della condizione umana.

PRESENTAZIONE: La ripetitività nella vita umana può indubbiamente apparire come un peso, ma rappresenta anche un elemento molto importante, poiché è ciò che costituisce il quotidiano di ogni persona. La quotidianità, essendo costituita da elementi concreti, è inoltre per definizione non perfetta. Questi aspetti sembrerebbero impedire la possibilità di essere felici: come possono essere compatibili l’abitudine e l’imperfezione con la felicità? Proveremo ad indagare con il professor Musio come la domanda di una vita buona possa trovare compimento proprio dove meno ci si aspetterebbe di trovarlo: nell’imperfetta ripetizione di ogni giorno”

BIOGRAFIA: Alessio Musio è Professore associato di Filosofia morale presso l’Università Cattolica del Sacro cuore, dove tiene i corsi di Filosofia Morale, Teoria della persona e della comunità e Etica delle relazioni nell’economia. Fa parte del Comitato scientifico del Centro di Ateneo di Bioetica e della rivista «Medicina e Morale». Già membro del Comitato Etico dell’Ospedale Niguarda e dell’Ospedale San Carlo di Milano, fa attualmente parte del Comitato Etico provinciale dell’Ospedale di Varese.